La mostra di De Chirico a Palazzo Reale a Milano, prodotta da Electa e Marsilio, espone oltre 120 capolavori del grande artista del Novecento, che illustrano l’evoluzione e l’originalità della sua pittura in un arco di tempo che va dal primo soggiorno a Parigi (1912) e dall’incontro con le avanguardie(PicassoApollinaire), passando per il periodo della Metafisica e quello del Surrealismo, fino al viaggio a New York del 1938 e alla Biennale del 1940.

Pur essendo rimasto al di fuori delle grandi correnti artistiche del suo tempo, De Chirico seppe maturare uno stile originale e complesso, che partendo dalle suggestioni di Paul Gauguin e continuando a confrontarsi con artisti passati e coevi, giunse al successo già negli anni Dieci del Novecento. Tra il 1912 e il 1913 la sua fama si diffuse di pari passo con la comparsa nelle sue opere dei primi manichini, che divennero un tratto distintivo della produzione e che sono oggi vere e proprie icone della pittura del XX secolo.

L’enigma di una giornata, 1914

Dopo avere partecipato alla prima guerra mondiale in veste di volontario, De Chirico rinnovò ed ampliò la propria attività, non solo spaziando tra numerosi soggetti pittorici, ma dedicandosi anche alla scultura in terracotta, altrettanto destinata a grande fortuna.

La mostra di De Chirico a Palazzo Reale a Milano è un’occasione unica e preziosa per ripercorre le tappe salienti della produzione del pittore, dalla formulazione dell’alfabeto metafisico elaborato con Carlo Carrà, fino al suo soggiorno milanese e arrivando infine alla cosiddetta neometafisica. Allestito in sezioni tematiche, il percorso di mostra intende svelare il mistero dei dipinti di De Chirico presentandone di volta in volta invenzioni, riferimenti culturali e fonti di ispirazione, che se da una parte hanno letteralmente fatto la storia dell’arte italiana, dall’altro sono al contempo straordinariamente attuali.

ll prezzo include:

Biglietto di ingresso alla mostra di De Chirico a Milanosaltafilavisita guidata con una guida ufficiale della mostra, laureata in storia dell’arte e in possesso di regolare patentino abilitativo alla professione, sistema di microfonaggio per una migliore fruizione della visita, tessera e bollino Milanoguida che permettono di ottenere una visita guidata gratuita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here